Archive for the 'My universe' Category

domani e poi basta!

il futuro non mi ossessiona e il passato non mi tormenta: è la ricetta giusta per andare avanti.
però, sai, a volte, tutto questo senso di indefinitezza che comporta il vivere giorno per giorno, ora per ora, un po’ mi spaventa e mi lascia senza fiato. perché mi sfugge il motivo concreto in vista del quale prodigo così intensamente le mie energie e le mie forze.
e ogni volta questa paura mi si piazza sempre qui, sul groppone: questa paura di fare le cose perché si deve farle dimenticando ciò che veramente si vuole.
ecco tutto. mi manca l’ispirazione ad agire, quello slancio forte che ti spinge a 100 all’ora in un solo secondo, quella gioia infantile che sale piano piano dallo stomaco fino alla gola e poi, da qui, agli occhi fino alle lacrime.

eh sì, ho proprio bisogno di riposo mentale!

non è che sono morta, eh

c’è semplicemente la Vita Vera che mi assorbe fino all’ultima cellula della mia bistrattata essenza.

how

provo una piacevolezza infinita tutte le volte che resto sorpresa; e, ancora di più, adoro le persone che sono in grado di stupirmi. trovare menti aperte non è per niente facile, quelle menti pronte alla comprensione senza compromessi, quelle menti che sanno prima di tutto ascoltare, quelle menti che sanno dire ciò che in quel momento volevi proprio sentire. e allora che c’è di male a voler uscire da questo stato autoindotto di misantropia che mi sfianca indicibilmente lo stomaco; lo dico con tutta la sincerità che mi è concessa: VI VOGLIO BENE.
è vero, ho continuamente bisogno di darmi; ma questo non basta: è più importante il come darmi.

sono fatta così

sono fatta così: amo il senso di languidezza che mi lascia la mia mancanza di scopi.
sono fatta così: bramo la positività che provo quando riesco a pormi un obiettivo.
sono fatta così: aspiro a volere sempre di più da me stessa.
sono fatta così: mi piace guardare oltre.
sono fatta così: adoro superarmi.

sono fatta così: sono riuscita ad oltrepassare un altro mio limite.

JUVECASERTA IN A!

 

LA CAPOLISTA SE NE VAAAAAA!!!!!!!!!

 

 

IO C’ERO!

 

de le fiche

Al fine de le sue parole il ladro
le mani alzò con amendue le fiche,
gridando: “Togli, Dio, ch’a te le squadro!”.

XXV canto (vv. 1-3), inferno – Commedia
D.Alighieri

non ve lo immaginate nemmeno la tribolazione che ci sta dietro quel “amendue le fiche”. roba da autoflagellarsi o, meglio, da “cavare coi denti una fica dalla natura di una mula“.

overdose e basta (questa volta)

cacchio, ma quanto scrivete? da dove vi viene tutta questa premura (e soprattutto la forza) di dire? il mio feed reader è letteralmente strafatto.
ma grazie lo stesso, di tutto. le parole degli altri riescono ad essere così..calde e avvolgenti, a volte 🙂

st patrick’s day

eeeeeeeh viva l’irlanda!

san-patrizio1.jpg

san-patrizio8.jpg

non ero brilla.. no, no…

domani

si va alla galassia gutenberg a napoli. ci si becca lì.

the doobie brothers

sarà che io sui treni quasi ci vivo, oggi mi sento molto long train running.

se fossi nata

se fossi nata su mercurio avrei 84,5 anni
su venere 33,1
su marte 10,8
su giove 1,71
su saturno 0,69
su urano 0,24
su nettuno 0,12
e se fossi nata su plutone ne avrei 0,081.

considerazioni sulla relatività relativamente inutili.

[scopri anche tu quello che è successo nel mondo il giorno in cui sei nato! e se non è successo una mazza, come nel mio caso, (a parte il fatto che sono nata io, imperdonabile dimenticanza!) scopri quanti anni avresti se fossi nato su un altro pianeta!]
[via dario]

scusato l’assenza

ma gli esami non finiscono mai e nemmeno i corsi universitari. e a proposito di niente, per la serie lo sapevate che, lo sapevate che la gorgia è quella caratteristica del dialetto toscano che prevede la spirantizzazione o il dileguo totale delle occlusive intervocaliche anche in situazioni fonosintattiche? in pratica, quella peculiarità che mi permette di dire che sono una testa di hazzo.

au revoir!

tempo, perduto tempo

ma già è marzo?
mi ritroverò vecchia già domani.

amen

la pacchia è quasi finita. lunedì si ricomincia con i corsi e le corse. quanto riuscirò ad essere assidua questa volta? dipende da quanto siete interessanti, cari miei professori. vedete di non esserlo troppo, che ho molte, troppe cose da fare.

il falso amico è come l’ombra che ci segue finché dura il sole

sfacciataggine è: telefonare esclusivamente quando serve qualcosa da me. i’m sorry, ma è finita l’epoca dei sorrisi larghi e della disponibilità senza riserve. adieu.


Search

cose mie

Blog Stats

  • 106.487 hits