de le fiche

Al fine de le sue parole il ladro
le mani alzò con amendue le fiche,
gridando: “Togli, Dio, ch’a te le squadro!”.

XXV canto (vv. 1-3), inferno – Commedia
D.Alighieri

non ve lo immaginate nemmeno la tribolazione che ci sta dietro quel “amendue le fiche”. roba da autoflagellarsi o, meglio, da “cavare coi denti una fica dalla natura di una mula“.

4 Risposte to “de le fiche”


  1. 1 Corrado lunedì, aprile 2, 2007 alle 5:42 PM

    Il buon Vanni Fucci se non sbaglio…
    Ricordo anch’io le tribolazioni dietro l’interpretazione di questo gesto, e pensa, ricordavo pure le parole…
    E quella parolina poi, messa così…ne avrà subite di battutacce da studenti poco attenti alle questioni filologiche. Me compreso, si intende:)

  2. 2 lostforwords martedì, aprile 3, 2007 alle 9:23 am

    corrado: come hai ragione! pensa, il mio professore ha il merito di aver gettato luce sull’argomento, dimostrando molta intelligenza e passione. e ora conosco anche un gestaccio nuovo da mostrare 😛 (anche se nessuno mi capirà, immagino 😉 )

  3. 3 Andrea martedì, aprile 3, 2007 alle 1:08 PM

    .. sono un po’ al di fuori dell’argomento …!!!!
    però almeno ora so che c’è qualcosa che non so
    (ma che gioco di parole ti ho messo su !!!)
    ciao

  4. 4 lostforwords mercoledì, aprile 4, 2007 alle 10:27 am

    andrea: diceva un tipo morto sepolto polvere alla polvere che la persona saggia è quella che ammette: io so di non sapere.;)
    ciao!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...




Search

cose mie

Blog Stats

  • 106.487 hits

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: